CarpFishingItalia

Sito ufficiale dell'Associazione nata nel 1993

CFI Informa Gennaio 2010

CFI Informa genna2010
CFI

CFI Informa Gennaio 2010

Servizio a cura di Pistorello Andrea e Salvi Thomas

PROGETTO TUTELA CARPA

CFI Informa Gennaio 2010: continua inesorabile la battaglia al “volo delle carpe” e con immenso piacere diamo la notizia che già alcune Province hanno approvato il “Progetto Tutela Carpa”. Le Province di Macerata, Ascoli Piceno, Fermo, Ancona e Vicenza hanno modificato i regolamenti di pesca introducendo anche la taglia massima prelevabile per le carpe!

Con questa modifica, le carpe che superano i 65 cm /8 Kg (70 cm nel caso di Vicenza), dovranno essere rilasciate nel medesimo luogo dove sono state catturate. Tale norma vale ovviamente anche per i pescatori di professione! Questo è davvero un grande risultato e la speranza è che ora le altre province seguano a ruota!

Per ora possiamo confermare la disponibilità a discutere del nostro progetto da parte delle Regioni: Molise, Marche, Lombardia e Friuli; mentre le Province sono: Rimini, Varese, Frosinone, Rovigo, Padova, Venezia, Firenze, Piacenza, Pesaro, Urbino. Inutile sottolineare che i nostri responsabili di sede continueranno a fare pressioni nelle amministrazioni locali.

PADOVA: ACQUE IN GESTIONE A CFI

Altro successo da incorniciare per CFI!

Infatti la sede n. 159 Colli Euganei Carp Team ha ottenuto, in gestione, un lungo tratto del Fiume Bacchiglione.

Per i “non addetti ai lavori”, questa può sembrare una cosa semplice… in realtà dietro ad un progetto come questo c’è tantissimo da fare, molto tempo da spendere tra uffici e burocrazie, sempre accompagnati dall’incertezza di non farcela. Considerando che tutto questo viene fatto sacrificando tempo al lavoro, agli affetti e alle proprie passioni fa riflettere sulle qualità dei responsabili di sede CFI.

Quindi un doveroso grazie a Geron Andrea, resp. della sede n. 159 e grazie e tanti responsabili di sede CFI.

CFI SEMPRE PIU’ RAPPRESENTATA

CFI sta crescendo e sta diventando una associazione che sempre più conta nel panorama della pesca nazionale; la logica conseguenza di questo porta a costanti collaborazioni con le amministrazioni provinciali e regionali portando in alcuni casi, i nostri iscritti a sedere nei tavoli dove vengono prese le decisioni in materia di pesca. A tal proposito segnaliamo un altro successo per CFI, infatti Scialdone Francesco (responsabile della sede di Chiusi) dal 2010 è stato ufficialmente nominato dalla Provincia di Siena come membro della consulta ittica con diritto di voto. Complimenti Francesco!