CarpFishingItalia

Sito ufficiale dell'Associazione nata nel 1993

Formazione GIV Ravenna

Formazione GIV Ravenna

CFI Venti anni di successi

Di seguito il testo inviato al Presidente e Assessore della Provincia di Ravenna in merito alle problematiche legate alla formazione di nuove GIV.
CARP FISHING ITALIA

Via Celio,4 45100 Rovigo

Spett.le Dott. …………. della Provincia di Ravenna

Egregio Sig. …………..,

scrivo in merito alle richieste pervenute presso la Sua Provincia per poter formare nuove GIV a difesa del territorio e a contrasto dei fenomeni di bracconaggio.

Sono anni che la pesca sportiva , con molte delle sue realtà è presente attivamente in buona parte della penisola nel contrastare il fenomeno sempre più grave della pesca illegale. Denunce circostanziate, incontri con amministrazioni Provinciali e Regionali,organizzazione di convegni e tavole rotonde a tema con rappresentanti della Politica sono alcune delle numerose attività promosse sul campo e sostenute a gran voce.

Ma il più importante ed efficace mezzo che molte di queste associazioni e gruppi hanno realizzato, è stato e continua ad essere quello di costituire corpi di Guardie Volontarie che costantemente vigilano e controllano il territorio in sinergia con le forze dell’ordine. Una forma di contrasto al bracconaggio indispensabile e insostituibile specialmente dopo che le forme di vigilanza pubbliche, polizia provinciale, viste le recenti regole imposte dal Governo vedono di molto ridotta la loro presenza sul territorio e alle quali non viene assicurato alcun sostegno economico rivolto ad aumentarne l’efficacia.

E’ con il contributo delle Guardie Volontarie delle varie Associazioni e di persone responsabili pronte a segnalare i fenomeni illeciti che in qualche modo si sta cercando di riprendere il controllo del territorio.

Ed è in questa ottica che la Politica tutta e gli organi pubblici preposti alla formazione e creazione delle GIV, in primis le Provincie, devono operare. Devono essere pronti nel dare il loro aiuto, soddisfatti nel poter favorire la realizzazione di questi corpi di vigilanza, disposti anche a modificare norme attuali per rendere rapido e ampliato a più persone possibili l’iter per il rilascio del necessario decreto e maggiormente rapido il loro inserimento nel territorio. Non devono essere nostri avversari ma affiancare le realtà propositive con efficacia e partecipazione. Priorità di tutti deve essere quella di mettere in primo piano l’urgenza di salvaguardare e mettere in sicurezza tutta la risorsa ittica.

Agostino Zurma
Presidente Nazionale Carpfishing Italia
Componente Tavolo Blu Regione Veneto
Componente Commissione Ittica Provincia di Rovigo