CFI Accordo Spinning


CFI Accordo spinning

Protocollo d’intesa siglato tra le associazioni nazionali Carp Fishing Italia e Spinning Club Italia sulle principali norme comportamentali, da tenere durante l’azione di pesca, tra i carpisti e i pescatori a spinning.

Norme per i carpisti:

Indicare la posizione del terminale con segnalino ben evidente.

Utilizzare gli affondafilo naturalmente quando il fondale lo consente; in caso contrario segnalare la posizione in cui la lenza entra nell’acqua mediante dei segnalini fatti scorrere lungo la lenza stessa.

Tenere in considerazione, nella posa delle esche in ambienti navigabili e dalla ristretta morfologia, la possibilità di passaggio di natanti in modo da non impedirne il transito.

Mantenere il controllo e il rispetto dell’educazione e del buon senso, nel caso venga erroneamente agganciata qualche lenza

Norme per i pescatori a spinning

Mantenere l’azione di pesca ad una distanza di almeno 10 metri dal segnalino che individua la posizione del terminale e ad almeno 5 metri da dove è segnalata l’entrata della lenza in acqua (si intendono le distanze dove lanciare l’esca artificiale).

Evitare di recare eccessivo disturbo durante il transito di un natante o belly boat, nel rispetto delle distanze citate in precedenza, nei pressi delle posizioni dove viene effettuata la pesca.

Mantenere il controllo e il rispetto dell’educazione e del buon senso, nel caso venga erroneamente agganciata qualche lenza.

Le citazioni sopra riportate sono da applicare e rispettare dagli iscritti ad ambo le associazioni chiamate in causa che si impegneranno, a mezzo dei loro rappresentanti, a diffonderle tra i propri associati.